VIII centenario martirio S. Angelo: inaugurato l’anno giubilare (2020 – 5 maggio – 2021)

Particolare, del volto di S.Angelo - tela di Antonio de Pereda y Salgado (1667 ca.) del Museo del Prado di Madrid (Spagna)

In occasione dell’VIII centenario del martirio di Sant’Angelo da Gerusalemme, la Penitenzieria Apostolica ha concesso al Santuario di Sant’Angelo di Licata e alla Chiesa Madre di Sant’Angelo Muxaro, dell’arcidiocesi di Agrigento, e a tutte le chiese dell’Ordine Carmelitano di essere luoghi dove si potrà lucrare l’indulgenza plenaria durante tutto l’anno giubilare, che va dal 5 maggio 2020 al 5 maggio 2021. Lo stesso vale per le altre chiese e cappelle dedicate a Sant’Angelo. (Vedi).  Le celebrazioni di inizio Giubileo, organizzate dal Santuario di Licata di concerto con l’Ordine Carmelitano hanno avuto luogo a Licata e in varie parti d’Italia e del Mondo dal 26 Aprile al 6 Maggio 2020.

Dal 26 Aprile al 4 Maggio 2020 (vedi programma) si sono tenuti momenti di riflessione  su varie tematiche con il filo conduttore: “Sant’Angelo, testimone del Carisma in cammino, Santità e missione nell’ispirazione originaria del Carmelo”. Mentre fino al 6 Maggio si sono susseguite una serie di celebrazioni dedicati dal Santo da varie parti del mondo. Le celebrazioni, a causa dell’emergenza sanitaria in corso,  si sono svolte a porte chiuse ed in diretta streaming dalle pagine facebook: “Ottavo Centenario Sant’Angelo” e “Santuario Sant’Angelo Licata” e successivamente sono state caricate sul canale youtube: “Santuario Sant’Angelo”. Per questo inizio Giubileo: 30 appuntamenti per più di trenta ore di dirette streaming (vedi) di cui 8 ore dal Santuario di Licata e 8 dall’Estero con 22 luoghi coinvolti in tre continenti e otto nazioni nel Mondo, 18 le comunità coinvolte (9 italiane e nove estere) con sette diverse lingue utilizzate. Oltre alla Curia Generalizia, sono state dieci le province Carmelitane coinvolte. Le celebrazioni hanno visto la partecipazione di 3 vescovi (Montenegro, Damiano e Melis), 2 priori generali, 5 priori provinciali, un commissario generale dei Carmelitani e sono state presenti quattro autorità cittadine in rappresentanza di quattro Comuni italiani (Licata, Sant’Angelo Muxaro, Osidda e Airola). Ogni giorno per nove giorni, da una chiesa carmelitana in Italia e Malta, si è svolta l’Eucaristia e una breve riflessione sulla figura di Sant’Angelo carmelitano e martire. Un appuntamento con la preghiera da diversi luoghi legati alla figura del Santo delle origini carmelitane, luoghi significativi per l’iconografia e per la devozione. L’occasione per trarre ispirazione da quelle origini che hanno segnato otto secoli di storia di una Famiglia religiosa nella Chiesa. La Novena è voluto essere come un cammino verso il pozzo di Sant’Angelo, presente all’interno del Santuario a Licata, segno della testimonianza che egli ha dato all’acqua viva che è la grazia di Cristo Signore. Avremmo voluto tutti celebrare questi giorni di festa con gioiosa solennità. Eppure, anche in questa situazione, il Giubileo è cominciato. Ed allora le celebrazioni giubilari ci hanno invitano a vivere il tempo di grazia della precisa ricorrenza degli ottocento anni dal martirio unendoci spiritualmente alle celebrazioni nel Santuario di Sant’Angelo a Licata e nei molti luoghi sparsi nel mondo dove è diffusa la devozione per il giovane frate carmelitano, itinerante predicatore della Parola di Dio e fedele al Signore Gesù fino al dono della vita. La nostra “presenza” è stata attraverso la preghiera. Ma il nostro santo fratello Angelo non mancherà, come sempre, di offrirci il suo umile esempio e la sua amorevole intercessione affinché camminiamo testimoniando il Cristo risorto.

Il programma ha previsto domenica 26 Aprile il primo appuntamento della Novena dal Santuario di Sant’Angelo di Licata (AG) dove il M.R.P. Roberto Toni O.Carm., Priore Provinciale della Provincia Italiana dei Carmelitani ha celebrato e meditato su “Tornare alle radici di un’esperienza”, spunto di riflessione dal luogo del martirio. Lunedì 27 Aprile dal Santuario del Carmine di San Felice del Benaco (BS), P. Simone Gamberoni O.Carm., Rettore del Santuario e Priore della Comunità Carmelitana ha meditato su “La santità: esperienza di incontro”, spunto di riflessione dall’affresco dell’incontro tra Sant’Angelo, San Francesco e San Domenico. Martedì 28 Aprile il M.R.P. Carlo Cicconetti, già Vice Priore Generale dei Carmelitani, presso la Cappella della Curia Provincializia dei Carmelitani d’Italia a Roma “Il deserto: ascolto e contemplazione”, spunto di riflessione dal dipinto di Pietro Testa:Gesù appare a Sant’Angelo nel deserto conservato nella vicina Basilica di San Martino ai Monti. La novena è proseguita Mercoledì 29 Aprile dalla Basilica di Santa Maria Annunziata di Trapani con la Santa Messa presieduta da P. Giuseppe Basile O.Carm., Priore della Comunità Carmelitana “Inviati ad annunciare la Parola”, spunto di riflessione dall’accostamento tradizionale Angelo – Alberto. Giovedì 30 Aprile, il Santo è stato onorato nell’isola di Malta dalla Chiesa del Forte Sant’Angelo di Birgu, dove P. Charlò Camilleri O.Carm., Priore della Comunità Carmelitana di Mdina prima comunità fondata sull’isola dai Carmelitani della Provincia Siciliana di Sant’Angelo, Consigliere della Provincia Maltese dei Carmelitani e Docente di Spiritualità che ha meditato “Apostolo della nuova evangelizzazione”, spunto di riflessione dal primo luogo di culto Angelano a Malta. Venerdì 1° Maggio dalla Chiesa di Santa Maria in Traspontina di Roma, P. Gerardo Bonsignore O.Carm., Licatese e Penitenziere Straordinario nella Basilica di San Pietro in Vaticano a meditato sul tema “Come Maria, essere Chiesa”, spunto di riflessione dagli affreschi della Cappella di Sant’Angelo. Sabato 2 Maggio dalla Chiesa di Santa Lucia alla Castellina di Sesto Fiorentino (FI), P. Luca Sciarelli O.Carm., Priore della Comunità Carmelitana e Responsabile Provinciale per la Pastorale Giovanile e Vocazionale ha meditato su “La fecondità di una vita donata”, spunto di riflessione dall’iconografia locale e dall’impegno per l’annuncio di vita vocazionale ai giovani mentre dal Santuario di Sant’Angelo di Licata si è tenuta la Lectio Divina. Domenica 3 Maggio dalla Chiesa del Carmine Maggiore di Palermo, P. Pietro Leta O.Carm., Rettore della Chiesa ha meditato sul tema “La sequela di Cristo”, spunto di riflessione dalla reliquia della Sacra Spina e subito dal Santuario di Sant’Angelo di Licata si è tenuta l’Adorazione Eucaristica. Lunedì 4 Maggio dal Santuario di Sant’Angelo di Licata, P. Antonino Mascali O.Carm., Rettore del Santuario e Priore della Comunità Carmelitana internazionale di Sant’Angelo ha meditato sul tema “Pellegrini al pozzo dell’acqua viva”, spunto di riflessione dal pozzo di Sant’Angelo; subito dopo dalla Cappella del Santo lo stesso rettore ha presieduto i Primi Vespri Solenni in onore del Santo; la stessa giornata vigiliare si è conclusa con due celebrazioni dall’Estero e nello specifico dall’America Latina, dalla Basilica del Carmine di Recife (Brasile) è stata celebrata la Santa Messa in lingua portoghese presieduta dal M.R.P. Sormani José Barbosa Lima O.Carm., Priore Provinciale della Provincia Pernambucana dei Carmelitani; dalla Cappella della “Casa San Elias” di Miraflores (Perù) è stata celebrata la Santa Messa in lingua spagnola presieduta da P. Raùl Maravì O.Carm., già Consigliere Generale per le Americhe dell’Ordine dei Carmelitani. Martedì 5 Maggio, Solennità di Sant’Angelo nel800° del glorioso martirio si sono susseguite una serie di celebrazioni; dalla Chiesa dell’Annunciazione di Mdina (Malta) è stata celebrata la Santa Messa dell’aurora in lingua latina presieduta da P. Charlò Camilleri O.Carm.,Priore della Comunità Carmelitana; dalla Parrocchia “Santísimo Cristo de la Esperanza” di Madrid (Spagna) la Santa Messa in lingua spagnola presieduta dal Rev.mo P. Fernando Millán Romeral O.Carm., già Priore Generale dell’Ordine dei Carmelitani; dalla Basilica di Santa Maria Annunziata di Trapani è stata celebrata la Santa Messa presieduta da Mons. Alessandro Damiano, Arcivescovo Coadiutore eletto dell’Arcidiocesi di Agrigento(vedi) ; dal Santuario di Sant’Angelo di Licata ha avuto luogo il Solenne Pontificale in onore del Santo in lingua italiana alla presenza delle autorità civili e militari cittadine presieduto dall’Arcivescovo di Agrigento, Card. Francesco Montenegro. (vedi) ; dalla Cappella della Curia Generalizia dei Carmelitani di Roma la Santa Messa in lingua italiana concelebrata dai Consiglieri Generali e presieduta dal Rev.mo P. Micéal O’Neill O.Carm., Priore Generale dell’Ordine dei Carmelitani che ha comunicato dell’avvenuta proroga dell’Anno Angelano fino alla fine del 2021; dal Santuario della Madonna del Carmine di Valletta (Malta) ha avuto luogo la Santa Messa in lingua maltese presieduta dal M.R.P. Joseph Saliba O.Carm., Priore Provinciale della Provincia Maltese dei Carmelitani; dalla Parrocchia di Sant’Angelo di Osidda (NU) la Santa Messa in lingua italiana alla presenza delle autorità civili e militari locali presieduta da S. E. Mons. Corrado Melis, Vescovo di Ozieri; dal Santuario di Sant’Angelo di Licata la Santa Messa in lingua italiana e l’Atto di affidamento della Città presieduti dal M.R.P. Roberto Toni O.Carm., Priore Provinciale della Provincia Italiana dei Carmelitani; dalla Parrocchia di Sant’Angelo di Sant’Angelo Muxaro la celebrazione della Santa Messa in lingua italiana alla presenza delle autorità civili e militari locali presieduta da Don Giovanni Mangiapane, Parroco della comunità; ed infine la giornata si è conclusa dal Santuario Nazionale di Santa Teresa di Lisieux di Darien (U.S.A.) con la Santa Messa in lingua inglese presieduta dal M.R.P. William J. Harry O.Carm., Priore Provinciale della Provincia Americana PCM dei Carmelitani. Mercoledì 6 Maggio, Giornata del Ringraziamento, si sono tenute una serie di celebrazioni in ordine dalla Cappella della Comunità di “Middle Park” di Melbourne (Australia) è stata celebrata la Santa Messa in lingua inglese presieduta da P. Davide Hofman O.Carm., Priore della Comunità Carmelitana; dalla Chiesa dell’Annunziata di Airola (BN) la Santa Messa in lingua italiana con la partecipazioni delle autorità locali presieduta da Don Liberato Maglione, Parroco della Comunità; dal Santuario di Maria SS. del Carmelo di Palmi (RC) è stata celebrata la Santa Messa in lingua italiana presieduta da P. Francesco Ciaccia O.Carm., Priore della Comunità Carmelitana; dalla Basilica della Visitazione della B. V. Maria di Cracovia (Polonia) la Santa Messa in lingua polacca presieduta dal M.R.P. Bogdan Meger O.Carm., Priore Provinciale della Provincia Polacca dei Carmelitani; dalla Basilica Santuario del Carmine Maggiore di Napoli la celebrazione della Santa Messa in lingua italiana presieduta dal M.R.P. Luciano Di Cerbo O.Carm., Commissario Generale del Commissariato Generale “La Bruna” dei Carmelitani; ed infine dal Santuario di Sant’Angelo di Licata la Santa Messa e Te Deum di ringraziamento in lingua italiana presieduti da P. Antonino Mascali O.Carm., Rettore del Santuario e Priore della Comunità Carmelitana.

Giacomo Vedda

 

  • FotoGallery del Pontificale (di Giuseppe Caci)

 

  • Per Approfondimenti ( il Giubileo, La figura di S. Angelo, Il carisma dell’Ordine Carmelitano, i luoghi del culto…) vai al Sito ufficiale QUI)  
  • Il messaggio del Card. Montenegro per l’inizio del Giubileo di Sant’Angelo

– Messaggio del Priore Generale per  festa di Sant’Angelo da Gerusalemme

. Scarica la lettera della Segreteria di stato