Gli Auguri di Buon Natale della Migrantes Agrigento

Gli Auguri di Buon Natale della Migrantes Agrigento

Di seguito gli auguri di Buon Natale di Mariella Guidotti, responsabile del Servizio Migrantes dell’Arcidiocesi di Agrigento. 

È ancora Natale. Anche se funestato da un nuovo vile attentato, da paura e insicurezza diffusa: è di nuovo Natale! La paura, si sa, può velare lo sguardo, può acutizzarsi e diventare irrazionale. Allora si arriva a non saper più distinguere tra dato reale e sensazione diffusa, magari alimentata ad arte da interessi particolari spacciati per bene comune. Non è facile poi sottrarsi a generalizzazioni indebite, secondo cui tutti gli immigrati sono furfanti e ci tolgono il pane, e tutti i musulmani terroristi. La paura si insinua nella distanza, dove non ci si conosce e riconosce.
Non si tratta di negare o sminuire i mali di cui oggi il mondo soffre. Non c’è bisogno di fare l’appello, li abbiamo tutti ben presenti.
Eppure è Natale! Proprio in questa situazione è Natale, perché la nostra non è una fede facile o consolatoria. Nascendo, Gesù viene a condividere e a guarire le ferite, le spaccature umane. E’ Natale perché la salvezza è apparsa nel mondo: uomini e donne di ogni razza, lingua e colore sono assunti e salvati nell’umanità del Figlio di Dio.
Dio non lascia fuori nessuno, non esclude nessuno e ci chiede di aprirci con Lui all’accoglienza dello straniero. Se noi consapevolmente lo rifiutassimo, rischieremmo di ritagliarci un Dio su misura e alla fine pregheremmo un idolo che non può salvare, non il Dio vero.
Il nostro Dio è fatto così, privilegia i piccoli, i poveri, gli stranieri. Seguirlo su questa strada significa aprirci alla possibilità di un grande bene, di una grande gioia. Alla fine dobbiamo ammetterlo: il bene ci è consono più del male e ci rende felici.
Qualche volta è difficile ma… è Natale, è l’occasione buona per provarci di nuovo.
Auguri!